Il direttore generale del Vicenza Paolo Bedin ieri sera è intervenuto in diretta telefonica alla trasmissione radiofonica curata dai ragazzi della Curva Sud e ha parlato del finale di campionato di serie B concentrato in tempi molto stretti a causa del Covid:

"L’Asl di Pescara in modo atipico ha bloccato l’attività di Pescara mettendolo in quarantena mentre tutte le altre avevano avuto la quarantena soft con il permesso di allenarsi, così la Lega ha dovuto unirsi d’emergenza per decidere cosa fare. La decisione unanime è stata quella di aspettare il Pescara e fare un blocco di quattro partite con tutti alla pari. Le quattro partite in dieci giorni sono necessarie perchè vi è l’Europeo delle nazionali maggiori e under 21 e deve finire non oltre il 28 di maggio, così il campionato è stato compresso". Sugli orari delle partite: "Giocando ogni tre giorni esatti, sarebbero state sempre in ritiro e per questo si è deciso di fare orari compatibili per avere almeno un allenamento tra una partita all’altra. Se capita di nuovo? Non lo so, il tema è difficilissimo, spostare ancora il calendario vorrebbe andare oltre fine mese e di conseguenza contro le regole Uefa, se non ci fossero gli europei si potrebbe andare più lunghi ma in questo caso vi è una situazione più complicata. In ogni caso se una partita non inciderà su playoff e playout la Lega potrebbe procedere con lo spostamento dell’orario".

Sezione: Primo Piano / Data: Mer 28 aprile 2021 alle 14:24
Autore: Davide Marchiol
Vedi letture
Print