Mister Mimmo Di Carlo ha commentato in conferenza stampa la vittoria sul Cittadella, questo quanto riportato dal sito ufficiale del Vicenza: “Si sono incontrate due squadre che volevano vincere. È stata una buona gara, il Cittadella sappiamo che è una formazione che non molla mai fino al ’95. Il successo viene impreziosito ancora di più perché non prendendo gol e difendendo l’1-0 fino al ’90, abbiamo rischiato di fare il 2-0 poi per due volte e questo è un Vicenza che continua a crescere. Il coraggio, la voglia, il gruppo, lo spirito di squadra che si sta alzando sempre di più e la fiducia intorno alla squadra è sempre più alta".

Prova di maturità? "Sì, è una prova di maturità perché il gruppo si è allenato bene in questi 15 giorni, l’abbiamo dimostrato sul campo, non è facile battere un Cittadella che in questo periodo sta bene, quindi merito ai ragazzi. La vogliamo dedicare ai nostri tifosi, perché all’andata abbiamo perso 3-0 immeritatamente perché abbiamo fatto un gran primo tempo. Vedendo questa vittoria so che loro sognano e vedono qualcosa in più però occorre tenere i piedi per terra, bisogna raggiungere almeno 45 punti il prima possibile e poi vedremo che succederà".

Si è capitalizzato al massimo e concesso pochissimo? "L’anno scorso eravamo così, nel girone di ritorno ora siamo cresciuti molto come è giusto che sia, il gruppo è più consapevole e vuole fare qualcosa di straordinario, ce lo diciamo nello spogliatoio perché tutti festeggeremo la salvezza quando arriverà. Quello che succederà dopo lo vedremo, però la concentrazione è su ogni singola partita, quindi andremo ad Ascoli dove purtroppo non avremo qualche giocatore ma ci sarà il resto della rosa e andremo a vendere cara la pelle cercando di mettere in campo la nostra mentalità e la nostra voglia".

La squadra ha retto bene fino ala fine, segno di una buona condizione? "Sì, ripeto, ho fatto i complimenti al mio staff perché la squadra è ben preparata. Abbiamo avuto il periodo brutto a dicembre e gennaio ma non c’era niente da fare perché il Covid ci ha colpito come è capitato ad altre squadre, però questi ragazzi sono da elogiare perché non hanno mollato, si son sempre uniti e nel campionato di ritorno si è capito come va giocata la Serie B e oggi raccogliamo i frutti del lavoro dell’andata".

Nalini superlativo? S"ono contento per Andrea perché se lo merita, perché ha sofferto molto l’infortunio iniziale e la ricaduta, oggi finalmente sta ripagando. Però tutta la squadra ha giocato a ritmo alto ma soprattutto con quel coraggio che piace a noi e ai nostri tifosi. Quel coraggio dobbiamo metterlo in campo sempre e avere la voglia di vincere perché questa è la formula per arrivare alla salvezza".

Ad Ascoli mancheranno Meggiorini e Vandeputte? "Per me la rosa è equilibrata, dopo il mercato di gennaio ci siamo rinforzati, abbiamo preso giocatori come Valentini e Agazzi che oggi hanno fatto una gran partita tutti e due, e allo stesso tempo Lanzafame che ci ha già dimostrato di essere un gran giocatore. La rosa che c’era prima è cresciuta molto, si va ad Ascoli per vincere, però sappiamo che sarà una battaglia, perché l’Ascoli contro di noi ha un solo risultato che è la vittoria e noi dobbiamo andarci recuperando le energie sia fisiche ma soprattutto mentali per fare la nostra gara. Sarà difficile però noi ci siamo e vogliamo essere ancora protagonisti”.

Sezione: Primo Piano / Data: Sab 03 aprile 2021 alle 13:38
Autore: Davide Marchiol
Vedi letture
Print