E' arrivata l'ufficialità. Attilio Tesser non è più l'allenatore del Pordenone. A comunicare il cambio di guida tecnica è lo stesso club neroverde con una nota sul proprio sito: "Il Pordenone Calcio comunica di aver sollevato Attilio Tesser dall’incarico di allenatore della Prima squadra.

'La Società si deve prendere sempre le sue responsabilità . dichiara il presidente Mauro Lovisa -: nei momenti positivi come in quelli negativi. Dover cambiare allenatore è una sconfitta per tutti, in primis per la Società e chiaramente per me, ma siamo arrivati a questa scelta, certamente non facile, per dare una scossa forte dopo un periodo troppo lungo senza risultati. Ringraziamo e ringrazieremo sempre Attilio per lo spessore umano e la professionalità dimostrata in ogni occasione. Insieme abbiamo fatto un percorso bellissimo, conquistato la storica promozione in Serie B e Tesser è stato importante nella nostra crescita. Da oggi guardiamo avanti: non esistono scusanti o alibi per nessuno'

Con mister Tesser sono stati sollevati dall’incarico anche l’allenatore in seconda Mark Strukelj e il preparatore dei portieri Leonardo Cortiula, a cui vanno i ringraziamenti della Società per la collaborazione di queste tre stagioni".

Poco dopo è arrivata l'ufficialità inerente il sostituto di Tesser, che sarà Maurizio Domizzi.

Il Pordenone Calcio comunica di aver affidato la conduzione tecnica della Prima squadra a Maurizio Domizzi.

«Mister Domizzi – dichiara il presidente Mauro Lovisa – può dare alla squadra la scossa che tutti noi attendiamo. Per leadership ed esperienza di campo, temperamento e competenze che abbiamo apprezzato in questi mesi con la nostra Primavera. Per preparare al meglio la fondamentale gara di lunedì, conoscere il nuovo staff e ritrovare il giusto spirito la squadra andrà in ritiro già da stasera».

Domizzi sarà coadiuvato da Andrea Toffolo come allenatore in seconda e Filippo Cristante come collaboratore tecnico.

Articoli correlati

Sezione: Le altre / Data: Sab 03 aprile 2021 alle 12:15
Autore: Davide Marchiol
Vedi letture
Print